Chiesa

Dalla ricorrenza del voto alla festa di S. Biagio e S. Romualdo

La chiesa di S. Biagio

La chiesa di S. Biagio

CHIESA DEI SANTI BIAGIO E ROMUALDO

MARTEDI' 2 FEBBRAIO, a 40 giorni dal Natale, la liturgia celebra la Festa della Presentazione di Gesù al tempio, popolarmente detta Candelora, perché all’inizio della Messa si benedicono le candeline da portare a casa in famiglia come segno di luce. Nello stesso giorno la Città di Fabriano ricorda il voto fatto alla Madonna del Buon Gesù. Il 14 gennaio e il 2 febbraio 1703 forti scosse di terremoto fecero numerose vittime e ingenti danni nelle città dell’Umbria e dell’Abruzzo. Fabriano attribuì il prodigio di essere stata risparmiata da lutti e distruzioni alla protezione della Madonna del Buon Gesù. Per questo la città fece voto che ogni anno, il 2 febbraio, avrebbe onorato la sua Patrona. L’orario delle SS. Messe sarà il seguente: al mattino alle ore 8.30 e nel pomeriggio alle ore 18, introdotta dalla Benedizione delle candele. La celebrazione sarà presieduta dal Vescovo Mons. Francesco Massara e vi parteciperanno i religiosi della Diocesi per la giornata della vita consacrata.

MERCOLEDI' 3 FEBBRAIO, si celebra la Festa di S. Biagio. Il Santo Vescovo è invocato con molta devozione dal popolo cristiano per la protezione dai mali della gola. Le Messe saranno alle ore 8.30 – 10.30 - 16 - 18. Al termine di ogni S. Messa non si potrà fare la Benedizione della gola singolarmente. Si invocherà la protezione di S. Biagio tutti insieme. Il pericolo di contagi ha reso impossibile quest’anno organizzare il tradizionale mercatino per le adozioni a distanza. Vi chiediamo allora un atto di generosità più grande: quello di fare un’offerta senza portare via con voi, come negli anni passati, le primule, i biscotti o i prodotti confezionati e ricamati dalle nostre donne.

DOMENICA 7 FEBBRAIO si ricorda la traslazione delle Reliquie di San Romualdo. Nel 1481 i resti mortali del Santo Eremita, fondatore dei Camaldolesi, furono trafugati dall’abbazia di Valdicastro, dove erano custoditi, per essere portati a Ravenna, dove Romualdo era nato. Dopo diverse vicende fu stabilito che le Sacre Reliquie tornassero a Valdicastro. Ma i Fabrianesi vollero che fossero portate a Fabriano per custodirle con maggiore onore e sicurezza. Il 7 febbraio giunsero a Fabriano, accolte con grande tripudio di popolo, e ancora oggi sono custodite nell’urna conservata nella Cripta della chiesa Camaldolese di S. Biagio. Per ricordare l’evento alle ore 8.30, nella Cripta, sarà celebrata una S. Messa. 

SABATO 6 FEBBRAIO alle 17.30 nella Cripta ci sarà il canto del Vespro e subito dopo verrà aperta la teca che custodisce il busto argenteo del Santo, le cui chiavi sono tenute una dalla Comunità Camaldolese e l’altra dal Comune di Fabriano. Una breve processione con il Busto di S. Romualdo salirà dalla Cripta alla chiesa, dove, alle ore 18, verrà celebrata la Messa. DOMENICA 7 FEBBRAIO l’orario delle Messe sarà quello festivo e cioè alle ore 9.30 – 11.15 - 18.