Sport

Basket non udenti: Fabriano vince l'Eurocup

Il capitano fabrianese Paolo Aisa alza l'Eurocup al cielo

Il capitano fabrianese Paolo Aisa alza l'Eurocup al cielo

FABRIANO - I ragazzi della squadra non udenti Amplifon Royal Lions Fabriano hanno compiuto l’impresa. Sabato 23 novembre, a Mosca, hanno vinto l’Eurocup 2019, il campionato europeo di basket per club di cestisti sordi. Dopo aver superato in scioltezza la fase a gironi con tre vittorie molto ampie, e dopo aver vinto allo stesso modo sia i “quarti di finale” che la “semifinale”, il trionfo si è celebrato proprio contro la squadra di casa, la Gloria Mosca, per 84-74, di fronte ad una arena gremita di spettatori. E’ la prima volta nella storia di questa manifestazione internazionale che a vincere è una squadra italiana. Il tabellino fabrianese: Stoicescu 8, D’Andrea 2, Aisa, Pignataro, Zupan 15, Petalas 26, Zocca, Salaris, Bruno 14, Giovannangelo, Lukic 19. Una straordinaria soddisfazione, dunque, targata “made in Fabriano” grazie alla passione del capitano della squadra, Paolo Aisa, e alla guida tecnica degli allenatori Davide Cola e Andrea Novelli, che hanno allestito una formazione molto valida, capace di issarsi sul trono europeo per club, portando alto il nome di Fabriano. Ricostruendo il quadro delle partite, nella fase di qualificazione, i Royal Lions Fabriano hanno iniziato superando nettamente i tedeschi del Francoforte per 79-36, poi i polacchi del Lodz per 88-55, quindi i russi del San Pietroburgo per 83-51; ai quarti di finale hanno fatto un sol boccone degli inglesi London Beard (77-43) poi si sono aggiudicati la semifinale contro i polacchi di Gliwice per 110-74. Gli Amplifon Royal Lions Fabriano hanno vissuto giorni emozionanti a Mosca, dove hanno trovato anche alcuni tifosi “speciali”: hanno assistito alle loro partite, infatti, Ugo Sghiatti (ex allenatore del Fabriano Basket negli anni Settanta) e lo chef fabrianese Marco Iachetta, famosissimo nella capitale russa dove lavora da sedici anni, titolare del ristorante “La Scarpetta” in cui convergono vip, politici e sportivi di fama.