Chiesa

Si chiamerà oratorio Carlo Acutis

Il Vescovo Massara nel suo intervento al centro comunitario di via Sassi

Il Vescovo Massara nel suo intervento al centro comunitario di via Sassi

Intitolato al Beato Carlo Acutis. L’oratorio di S. Nicolò riparte nel segno del giovane quindicenne, scomparso nel 2006 e venerato come Beato dalla Chiesa dal 2020. Una grande celebrazione presso il centro di via Sassi, grazie all’impegno del parroco don Aldo Buonaiuto che ha invitato numerosi ed autorevoli ospiti. Significative le parole del Vescovo Francesco Massara: “Oggi inauguriamo un luogo formativo aperto a tutti ed ispirato al Santo dei Millenials, elevato dal Papa all’onore degli altari perché capace do trasmettere a tanti suoi coetanei la bellezza di riconoscersi nel Vangelo”. Un progetto che stava molto a cuore al parroco don Aldo che ha voluto coinvolgere tutta la sua parrocchia per un appuntamento così importante: “I bambini che oggi imparano a giocare insieme domani saranno gli adulti capaci di fare squadra in ogni circostanza. C’è solo una crisi più grave di quella economica: è quella educativa”. Presenti anche il Governatore della Regione Marche Francesco Acquaroli, il Prefetto della Provincia di Ancona Darco Pellos, il magistrato e Gip del Tribunale di Perugia Natalia Giubilei, il direttore di Rai Parlamento Antonio Preziosi, gli atleti e le atlete azzurre della ginnastica e del ciclismo paralimpico, mentre collegati in video c’erano il parroco della “terra dei fuochi” don Maurizio Patriciello e la mamma del Beato Carlo Acutis. Sul prossimo numero cartaceo de “L’Azione” un ampio approfondimento dell’evento.