Sport

Il basket "incontra" le scuole di Fabriano e dintorni

Da sinistra, Luca Ciaboco responsabile del settore giovanile Janus Basket Fabriano Academy con gli istruttori minibasket Guido Borri e Flavio Cocco che seguono il progetto con le scuole

Da sinistra, Luca Ciaboco responsabile del settore giovanile Janus Basket Fabriano Academy con gli istruttori minibasket Guido Borri e Flavio Cocco che seguono il progetto con le scuole

FABRIANO - Si è conclusa la prima parte del progetto “basket nelle scuole”, che in questa stagione sportiva 2019/20 le società di pallacanestro di Fabriano hanno proposto alle classi terza e quarta delle scuole primarie e alla seconda classe delle scuole secondarie di primo grado del territorio fabrianese. “Il magico mondo della palla a spicchi” è stato il titolo dato all’iniziativa, fortemente voluta dalla Janus Basket Fabriano e dalle altre società raccolte sotto il nuovo “cartello” di pallacanestro giovanile Janus Basket Fabriano Academy (quindi Sterlino Sporting Club Fabriano, Bad Boys Fabriano e femminile Thunder Matelica Fabriano). Ebbene, il progetto è cominciato a metà settembre in concomitanza con l’inizio della scuola. Due istruttori minibasket dello Sterlino Sporting Club Fabriano, ovvero Flavio Cocco e Guido Borri, hanno svolto 5 ore di lezione con ogni classe (un’ora al giorno per cinque giorni consecutivi): un mini-corso pratico per far conoscere ai bambini il gioco del basket, iniziando dall’approccio con la palla a spicchi, un minimo di regolamento e dei ruoli (in campo e fuori), un po' di tecnica (tiro, passaggio, palleggio) e di tattica (sentire, parlare, guardare, toccare), per sfociare nel gioco/partita. Questa prima fase del progetto, dicevamo, ha visto protagonisti ben 720 alunni delle classi terza e quarta delle scuole primarie di Fabriano, Marischio, Albacina, Sassoferrato e Genga. Un grande impegno ben portato avanti dai due istruttori a cui è stato assegnato il compito. Il “mini corso” è stato completamente gratuito per le scuole (i costi sono stati sostenuti dalle società sportive) e ad ogni bambino è stato consegnato un gadget (sacca sportiva). Ora, è iniziata la seconda fase del progetto, ovvero quella che coinvolge - con le stesse modalità - la seconda classe delle scuole secondarie di primo grado del territorio fabrianese, per un totale di altri 380 ragazzi e ragazze protagonisti. L’intera iniziativa si concluderà con un “evento” finale a ridosso delle festività natalizie.