Sport

La scuola calcio Fortitudo Fabriano Cerreto è felice per i numerosi ragazzi che hanno esordito in prima squadra

I giovani della scuola calcio Fortitudo Fabriano Cerreto mentre fanno attività fisica all'aperto senza contatto, come previsto dalle misure anti-Covid

I giovani della scuola calcio Fortitudo Fabriano Cerreto mentre fanno attività fisica all'aperto senza contatto, come previsto dalle misure anti-Covid

FABRIANO - «Il nostro obiettivo è portare i nostri giovani del vivaio a giocare nella prima squadra di Eccellenza: beh, direi che siamo sulla strada giusta». A parlare, a nome del settore giovanile Fortitudo Fabriano Cerreto, è Pino Maraniello, responsabile organizzativo della scuola calcio.

«Già l’anno scorso era stata intrapresa questa strada con mister Gianluca Fenucci, ora sta proseguendo con successo grazie a mister Simone Pazzaglia, che ha già dato spazio in prima squadra a moltissimi ragazzi - prosegue Maraniello – mi riferisco, oltre ai già noti Stortini, Carmenati, Storoni e Orfei, anche a Mulas, Spuri, Giacometti e ultimamente ha inserito Raggi, Stelluti, Galletti, Grandoni, Nanni, Latini e Paglialunga. Insomma, crediamo di essere sulla strada giusta, pur nelle immense difficoltà che stiamo affrontando nella gestione di questo lungo periodo di Covid-19, durante il quale per essere in linea con i protocolli richiesti abbiamo effettuato notevoli investimenti, così da poter gestire in sicurezza i circa 250 ragazzi che compongono il nostro settore giovanile. Ci teniamo, in questo senso, a rivolgere un grande ringraziamento a Paola Goffredi, che “dietro le quinte” opera come responsabile Covid, così come ringraziamo i dirigenti accompagnatori e gli allenatori che, oltre al loro ruolo, si impegnano nella pulizia e nella sanificazione degli ambienti».

Di fronte alle ultime possibili restrizioni, Maraniello dice: «Crediamo nello sport e crediamo che i ragazzi abbiamo il diritto di giocare e di continuare ad avere questo spazio sano di crescita. Abbiamo continuamente cambiato metodologie degli allenamenti per cercare di stare al passo con i sempre più severi Dpcm, no contatti, no partitella, no uno contro uno (vedi foto), in questo dobbiamo dire bravi agli allenatori e ai responsabili tecnici dell’attività di base Gabrio Giacchetta e Useini Besim, così come ai responabili dell’attività agonistica Luigino Azzeri e Samuele Gobbi».

E, infine, per quanto riguarda la collaborazione con il Bologna Calcio, «i nostri tecnici hanno già svolto alcune proficue lezioni didattiche formative, purtroppo a distanza, rimanendo comunque entusiasti per la qualità degli insegnamenti e dei consigli. Covid permettendo, i prossimi appuntamenti saranno sul campo».