Cultura

Una grande opera di Leonardo da Vinci arriva a Fabriano

"Madonna Benois" di Leonardo da Vinci

Mentre si avvicinano le date del Meeting Unesco (10/15 giugno), dall'organizzazione viene calato l’asso. Arriverà a Fabriano, presso la Pinacoteca Molajoli, un’opera di primissimo piano: “Madonna Benois” di Leonardo da Vinci, uno dei più celebri capolavori dell’artista. Si tratta di un dipinto a olio su tavola trasportato su tela (48x31 cm) databile 1478-1482 e conservato nel Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo. L’opera mostra la Madonna col Bambino sullo sfondo di una stanza scura, rischiarata sul fondo da una bifora aperta sul cielo. Maria è seduta e tiene sulle ginocchia il figlio che cerca di afferrare il fiorellino che la Madre tiene in mano, cercando di coordinare i movimenti e lo sguardo tipici dei bambini. Secondo taluni i quattro petali del fiore sarebbero un’allegoria della futura crocifissione. Il modello iconografico immediato è la “Madonna” di Domenico Veneziano nella collezione Berenson. Maria è particolarmente giovane e contrariamente alla tradizione iconografica sorride guardando la tenera goffaggine del figlio instaurando un rapporto di serena familiarità. Il gruppo sacro mostra una svolta stilistica nel soggetto che evita di ricalcare gli schemi tradizionali affidandosi piuttosto a un accurato studio dal vero, particolarmente evidente nella realistica fisionomia del Bambino.