Cronaca

Insieme sempre attivi

Inaugurato, nel teatro della parrocchia Sacra Famiglia della Natività di Nazareth, il Centro “Insieme sempre attivi” organizzato dall'associazione Avulss. E’ stata la presidente dell'associazione Avulss, Roberta Pellicciari, alla presenza del parroco don Gianni Chiavellini, dell’assessore alla Comunità e alla Solidarietà, Dilia Spuri, della presidente della Consulta sociale Luana Vescovi a presentare questa struttura che offrirà agli over 65 della parrocchia e dei suoi assistiti la possibilità di incontrarsi per superare e affrontare insieme momenti di isolamento e solitudine. “Non siamo soli: sentiamoci! Perché una telefonata può colorarci la giornata” (per info: 0732 22263 dal lunedì al venerdì, ore 10-12 e ore 16-18) il refrain ripetuto in questo incontro che oltre alle riflessioni sulla valenza del Centro ‘Insieme sempre attivi’, ha permesso anche di condividere momenti di allegria, con tanto di balli che hanno coinvolto gli oltre cinquanta presenti, grazie allo show preparato dal gruppo di animazione composto da Mariagrazia, Orietta, Francesca, Luciana, Tiziana, Carolina, Sandra e Alberto, accompagnati musicalmente nei divertenti sketch di preparazione per andare ad un pranzo al ristorante poi trovato chiuso, dalla “Orchestra Maldestra” costituita dai fisarmonicisti Amelio Falzetti e Maurizio Stella. “Con la collaborazione di don Gianni inauguriamo questo nuovo centro di aggregazione, con cui cercheremo di attivarci e creare relazioni per combattere solitudine e isolamento” ha detto la presidente Pellicciari: "L’associazione per un volontariato socio sanitario nelle unità locale è una realtà volta a sensibilizzare, promuovere, informare e formare alla cultura della salute e della qualità della vita con un servizio di relazione umana, ascolto, di promozione intergenerazionale e di quant’altro emerge come bisogno sociosanitario nel territorio. i volontari Avulss offrono un servizio non improvvisato ma qualificato, organizzato e gratuito. infatti, noi parliamo di corsi di formazione per diventare volontari, di formazione continua nel tempo, di organizzazione per garantire una presenza non saltuaria grazie al lavoro di squadra. il nostro motto è lavorare insieme per servire meglio”.  “L’Avulss – ha sottolineato Roberta Pellciciari - è presente sul territorio da oltre trenta anni con un servizio di ascolto tramite il call center, attività dirette in ospedale, nelle strutture Casa di Riposo e rsa, servizio di consegna pasti a domicilio, compagnia, accompagno, attività di animazione. con la pandemia tutte le attività sono state interrotte tranne la compagnia telefonica e qualche evento con il gruppo animazione. ancora oggi diversi servizi alla persona non sono ripresi. tenendo fede al nostro fondatore don Giacomo Luzietti che affermava di tener conto delle nuove esigenze e richieste del territorio, di inventare ed animare continuamente cose nuove davanti a situazioni nuove, ci siamo guardati intorno e abbiamo constatato che la popolazione di Fabriano residente nel centro storico è costituita da oltre 2500 persone anziane con più di 65 anni”. Infine la presidente ha posto l’accento sulle problematiche della fascia di età con più di 65 anni. “Tale fascia di età sono state analizzate nel tavolo dell’ambito territoriale e fra i diversi bisogni è emerso quello di affrontare la solitudine e l’isolamento con vari interventi sia di tipo aggregativo sia di relazioni intergenerazionali. fondamentale nella vita dell’anziano è mantenere uno stile attivo e indipendente importantissimo per un invecchiamento attivo. i volontari Avulss – ha concluso - si sono fatti interpreti di tali nuove esigenze nate e rafforzate anche dalla mancanza della famiglia patriarcale. i nuclei famigliari sono costituiti da una o due persone”.