Cultura

Le particolari opere di Massimo Pocognoli con il sapore del mare

Massimo Pocognoli con alcune sue opere

Massimo Pocognoli con alcune sue opere

FABRIANO - Fabrianese, personaggio poliedrico se ce n’è uno, Massimo Pocognoli si sta distinguendo anche a livello artistico con le sue particolari creazioni. Già cabarettista, giocatore di boccette, collezionista d’auto d’epoca e molto altro… il popolare, eccentrico e simpaticissimo “Massimetto” ora mostra un lato finora nascosto della sua personalità, legato all’arte. «Tutto è partito dalla scrittura – ci racconta Pocognoli: - sono un tipo sempre allegro e scherzoso, ma a volte divento serio e scrivo pensieri. Attraverso la pittura inizialmente a olio, poi, ho cercato di seguire lo stesso segno di quando scrivo, è il pennello che mi guida e aiuta ad esprimere me stesso». La sua attività artistica si è poi evoluta in vere e proprie creazioni, con cui ha addobbato l’atrio del palazzo in centro storico dove abita. «Andando al mare – racconta – sono stato colpito da quei pezzi di legno sbiancati dal mare e dal sole che restano depositati sulla spiaggia, essiccati. Ho pensato di utilizzarli, tenendoli uniti con gli spaghi che hanno lo stesso colore, talvolta arricchisco con delle conchiglie: sono opere dedicate al mare».