Cronaca

La ricostruzione delle scuole

Scuola Mazzini

Scuola Mazzini

A circa due mesi dall'inizio del nuovo anno scolastico, l'amministrazione comunale fa il punto sullo stato dei lavori dell'edilizia scolastica.

Scuola Marco Polo: I lavori di ristrutturazione della scuola Marco Polo sono quasi completati. Si prevede che le attività scolastiche possano riprendere nel nuovo edificio ristrutturato a partire dall'11 settembre. Inizialmente, la scuola verrà resa fruibile solo per una porzione, saranno privilegiati i lavori per l’accoglienza delle classi, mentre verranno completati entro fine anno l’auditorium e la palestra. Dal mese di gennaio ad oggi, sono stati svolti numerosi incontri con le famiglie, il consiglio d'istituto, gli insegnanti e il dirigente scolastico per aggiornare sullo stato dei lavori e sugli step intermedi previsti. Durante l'ultimo incontro a fine maggio, è stato confermato che i lavori erano in corso e venivano seguiti con la necessaria attenzione e professionalità. La settimana scorsa, sono stati definiti gli ultimi dettagli con l'impresa e il direttore dei lavori La disponibilità a ulteriori incontri con le famiglie è stata ribadita, qualora fosse ritenuto necessario dal consiglio d'istituto. Il layout delle aule è stato presentato agli insegnanti per garantire un ritorno sicuro e organizzato degli studenti. La palestra della scuola Mazzini, situata a poche decine di metri, sarà utilizzata per le attività degli studenti della Marco Polo.

Scuola Mazzini: La situazione della scuola Mazzini è più complessa. I lavori I richiedono più tempo del previsto rispetto alla tabella di marcia iniziale e si prevede che la scuola riaprirà a settembre mantenendo l’attuale collocazione presso il seminario, per permettere il completamento dei lavori e organizzare il trasloco a dicembre durante le vacanze natalizie. La scuola Mazzini è costituita sostanzialmente da due plessi: il plesso A e il plesso B, uno a due piani e uno a un piano solo. L'intervento prevede il rinforzo dei pilastri e delle travi, coinvolgendo complessivamente 196 pilastri tra i due plessi, con un lavoro particolare e oneroso anche in termini di tempo. Tale attività ha comportato quindi tempistiche maggiori rispetto a quelle prefigurate in fase di progettazione. Attualmente, la forza lavoro alla Mazzini varia tra le sette e le dieci persone quotidianamente, nei prossimi giorni verrà ulteriormente incrementata con l’inizio dell’attività di ripristino delle murature esterne ed interne. Realizzare attività in contemporaneo, consentirà di abbreviare i tempi di intervento. La giunta ha approvato un atto di indirizzo per prorogare il contratto di locazione con la Curia e garantire il servizio navetta necessario per il trasporto degli studenti. Dalla prossima settimana, comincerà l’attività di informazione alle famiglie per comunicare la nuova localizzazione e richiedere la prenotazione della navetta. Comprendendo le preoccupazioni delle famiglie, in particolare per quanto riguarda la comunicazione sulla mensa e i trasporti, si sta lavorando per risolvere qualsiasi disallineamento nelle comunicazioni e garantire che tutte le famiglie ricevano le informazioni necessarie nel minor tempo possibile.

Scuola Giovanni Paolo II: Per quanto riguarda la scuola Giovanni Paolo II, è stata inviata la richiesta di avvio della conferenza di servizi all'Ufficio Speciale della Ricostruzione per l’approvazione del progetto e il conseguente decreto di finanziamento dell’opera a seguito dei quali si avvieranno le procedure di gara.

Scuola di Marischio: I lavori per la scuola di Marischio sono in fase di progettazione, con la prima bozza del progetto già pervenuta. Si procederà quindi a dare corso all’iter di confronto con i progettisti e quindi alle fasi di verifica e approvazione dei progetti per poter quindi arrivare alle fasi di appalto.

Scuola Gentile: La scuola Gentile vedrà l'aggiunta di due classi per il prossimo anno scolastico. Durante l'estate, verranno effettuati interventi per garantire l'utilizzo delle quattro aule al secondo piano, rendendole accessibili anche alle persone con disabilità. L'impegno dell’amministrazione è di mantenere un costante dialogo con le famiglie e la dirigenza scolastica per garantire trasparenza e aggiornamenti tempestivi sui progressi dei lavori. Si è consapevoli dei disagi che questi interventi possono causare, ma si crede fermamente che il risultato finale sarà una rete di scuole più sicure, moderne e adeguate alle esigenze degli studenti.