Cronaca

Ancora in calo i residenti

Un'immagine della piazza prima della pandemia

Un'immagine della piazza prima della pandemia

La città torna indietro di vent’anni e per la prima volta dal 2001 scende sotto quota 30mila residenti, dopo aver superato otto anni fa i 32mila. Non si ferma l’emorragia abitativa, tanto che in chiusura è arrivato il timbro della retrocessione sotto la cifra tonda. Alla verifica del 31 ottobre, infatti, Fabriano è a 29.799 anime, perdendo 405 residenti rispetto al dato di fine 2019 quando si era a 30.204. Insomma, oltre un abitante al giorno in meno in dieci mesi nella città dove sono sempre più le donne rispetto agli uomini e dove la fuga maggiormente evidente è quella degli stranieri in progressiva uscita da un distretto industriale ormai lontano dai fasti degli anni d’oro con opportunità occupazionali sempre più ridotte. A fine ottobre, infatti, le persone di nazionalità estera ufficialmente residenti a Fabriano sono scese per la prima volta nel millennio sotto un’altra soglia simbolica come quella dei tremila abitanti. Attualmente, infatti, si contano 2.864 non italiani che abitano a Fabriano rispetto ai 3.086 di fine dicembre scorso e lontanissimi dal dato record del 2013, quando si superarono i 3.800 residenti provenienti da oltre confine. Il primo riflesso concreto sul fronte istituzionale del, downgrade cittadino, qualora il dato ‘under 30mila’ venisse confermato a fine 2020 come sembra ormai praticamente scontato, arriverà tra meno di due anni, quando verrà rinnovato il Consiglio comunale e gli scranni disponibili sono destinati a scendere dagli attuali 24 a 16. Ma il timore è che la perdita dello status dei 30mila generi altri tagli ancora più significativi, in particolare nel, settore delle forze dell’ordine e in quello di sportelli e servizi, dove negli ultimi anni sono già state registrate diverse decurtazioni. Il dato confortante del report del Comune riguarda la conferma della longevità di una popolazione sempre più… con i capelli bianchi. Sono, infatti, undici i centenari, a cui il prossimo anno potrebbero aggiungersene diversi altri, visto i 23 abitanti nati nel 1921 e vicini al traguardo della tripla cifra anagrafica. Anche sulla longevità maggiore è il numero delle donne.