Cultura

Fabriano al Salone del Libro di Torino

Il Salone del Libro di Torino

Il Salone del Libro di Torino

Le Marche sono state la regione ospite alla XXXII° edizione del Salone del Libro di Torino svoltasi dal 9 al 13 maggio, con un intero padiglione a disposizione nell’area del Lingotto Fiere. Fabriano ha fatto la sua parte. Presente lo scrittore Stefano Ambrosini, l’autore di Cratere (Claudio Ciabochi editore), che ha raccontato il suo esordio nella narrativa con un noir. Lo stesso Claudio Ciabochi, fotografo di fama nazionale, anche editore, è protagonista da tempo con le sue pubblicazioni fotografiche. Quindi Alessandro Moscè che ha presentato l’antologia poetica Dix poètes italiens contemporains (Le Bousquet-La Barthe Editions) edita in Francia, e il romanzo Gli ultimi giorni di Anita Ekberg (Melville editore). La storia della carta di Fabriano dal 1200 è stata illustrata da Sandro Tiberi, Bruno Sebastianelli e Gilvana Maria Da Silva. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Carifac’Arte - Polo Museale di Fabriano per conoscere i maestri della Scuola Internazionale dei Mestieri d’Arte di Fabriano. Il musicista Renato Gasparini era relatore alla presentazione di un libro musicale. Lorenzo Allegrini ha effettuato un firma copie e una performance dal poema Apocalisse Pop! Presente con uno stand anche il neonato editore fabrianese Il Viandante fondato da Arturo Bernava e dalla concittadina Maria Emery. Nel cartaceo di questa settimana gli approfondimenti.